camino a gas

Camino a gas

Caminetti

Il camino a gas è una soluzione ideale per chi vuole godersi in appartamento la bellezza e il fascino di un camino senza dover necessariamente armeggiare con la legna.

La legna è un combustibile a buon mercato e dall’indiscusso fascino, ma stoccarla e maneggiarla in appartamento (soprattutto in città, dove gli spazi sono particolarmente ridotti) non è affatto facile.

Il camino a gas si propone proprio di superare questo tipo di problematiche: offrire la possibilità di una fiamma viva che scalda corpo e cuore, senza le problematiche della legna stessa.

Vediamo insieme quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questa specifica soluzione, quali sono le peculiarità di questo tipo di sistemi e per chi è particolarmente ideale una soluzione del genere.

Come funzionano i camini a gas?

I camini a gas sono camini che, pur riproducendo esteticamente l’aspetto di un camino tradizionale, non sono alimentati a legna, ma appunto a gas.

L’idea è quella di fornire a chi vive in città (e non ha spazio, tempo o desiderio di maneggiare la legna) di avere comunque in casa un camino, dispositivo di riscaldamento che è di sicuro impatto estetico e che può contribuire inoltre in modo fondamentale al riscaldamento dell’ambiente stesso.

I caminetti a gas sono molto comodi: basta un solo interruttore per avere una fiamma calda ed esteticamente piacevole, in grado di riscaldare ambienti fino a 120 mq per le portate standard.

Il camino a gas è in grado di riscaldare l’ambiente con aria calda umidificata e il calore dei fumi può essere recuperato per produrre acqua calda.

I costi del camino a gas

I camini a gas vengono oggi venduti in diverse forme e soprattutto assemblati con diversi materiali.

I prezzi partono in genere dai 1.000 euro, per finire intorno ai 2.500 euro per i modelli tecnologicamente e esteticamente di pregio.

Le diverse tipologie di camino a gas

Ci sono oggi in commercio diverse tipologie di camino a gas, ognuna con i propri vantaggi e i propri svantaggi rispetto alle altre versioni:

  • Camino a gas a focolare chiuso: ha una camera stagna e in genere offre maggiore riscaldamento alle versioni che sono invece senza vetro;
  • Camino a gas senza vetro: ha il focolare aperto, il che permette di avere una fiamma decisamente più realistica, anche se l’efficienza di tali soluzioni è sicuramente minore rispetto alle versioni con focolare chiuso;
  • Camino a gas completamente aperto: sono le versioni che si installano su un piano di appoggio e che hanno un grande impatto scenico; le proprietà di riscaldamento di tali soluzioni non sono però in linea con quelle offerte dalle altre versioni;

I vantaggi del camino a gas rispetto al camino classico a legna

Il primo vantaggio è sicuramente quello dell’assenza di legna, che soprattutto in città è difficile da acquistare, mantenere e stoccare, soprattutto se non si hanno spazi adeguati a disposizione.

La manutenzione di questo tipo di camino è inoltre rara e semplice, permettendo a tutti, senza grossi costi di mantenimento, di utilizzare il camino per diversi anni.

Il camino a gas inoltre può essere installato senza grossi problemi in qualunque ambiente della casa, anche in camera da letto.

Per quanto riguarda il potere riscaldante, siamo davanti ad un dispositivo in grado di riscaldare in modo uniforme, senza sbalzi di temperatura e di farlo inoltre in assoluta sicurezza.

Anche se sicuramente meno romantico, il camino a gas è un prodotto tecnologicamente superiore al classico camino, che permette a tutti, a prezzi molto contenuti, di godere del riscaldamento e della bellezza di un camino anche in quegli appartamenti e in quegli immobili dove la soluzione del caminetto tradizionale non è assolutamente percorribile.

I camini a gas di ultima generazione inoltre sono in grado di offrire soluzioni molto accattivanti anche sotto il profilo estetico e del design, per migliorare qualunque tipo di ambiente anche sotto questo aspetto.

Il tutto, come abbiamo già detto, ad un prezzo decisamente contenuto.