camino bifacciale

Camino bifacciale: il giusto compromesso tra riscaldamento e design

Caminetti

Sempre più apprezzato da architetti, interior designer e clienti, il camino bifacciale rappresenta il giusto compromesso tra la praticità di un mezzo riscaldante per la casa e la bellezza di uno strumento decorativo di design, che contribuisce a dare un vero e proprio tocco di classe alla propria abitazione.

Il camino bifacciale è un camino con una doppia facciata, che viene posizionato in mezzo tra due (o più) stanze: in questo modo tutti gli ambienti, oltre a godere della vista della fiamma, ricevono calore dal camino.

Oltre a rendere più elegante l’abitazione, il camino bifacciale consente anche di ottenere un risparmio di spesa, in quanto con un solo strumento è possibile scaldare più stanze contemporaneamente. Se posizionato tra la zona pranzo ed il soggiorno può anche essere sfruttato per cucinare, magari abbinandolo a delle cucine strutturate appositamente.

Dal punto di vista tecnico, il caminetto bifacciale è un normale camino dotato di una camera di combustione stagna, generalmente realizzata in acciaio inox, racchiusa all’interno di una struttura con posizionati ai lati due appositi vetri.

Come funziona il camino bifacciale?

A seconda della sua struttura e della sua composizione, il camino bifacciale può funzionare a:

  • Legna
  • Pellet, mediante una apposita canna fumaria
  • GPL o gas metano, con collegamento dei tubi del gas al camino stesso
  • Bioetanolo, mediante un apposito serbatoio in cui viene inserito il combustibile, anche senza la necessità di installare la canna fumaria

Le due facciate del camino sono rivestite con un apposito vetro ceramico autopulente, che consente di trattenere al suo interno il fumo prodotto dalla combustione, dirigendolo verso la canna fumaria per l’espulsione.

Quali sono i vantaggi del camino bifacciale?

L’installazione all’interno di una abitazione di un camino bifacciale presenta numerosi aspetti positivi, sia dal punto di vista pratico che estetico.

Anzitutto, i caminetti bifacciali sono generalmente di dimensioni ridotte, non pesano molto e quindi non occupano troppo spazio, diventando quindi una scelta perfetta anche per abitazioni di dimensioni contenute.

Come dicevamo, il camino bifacciale consente di riscaldare più aree della casa contemporaneamente, permettendo quindi di avere un consistente risparmio di spesa.

Possono essere installati tra due o più stanze della casa, e sono l’ideale soluzione di contiguità tra zona notte e zona giorno.

La particolare conformazione di questo tipo di camino permette loro di avere un’ottima autonomia, che può durare anche più di 5 ore nel caso in cui funzionino a base di bioetanolo.

I camini bifacciali, inoltre, sono facili da utilizzare, gestire e mantenere anche per i meno esperti, e possono essere accesi e spenti a piacimento.

La loro struttura sfrutta sia il calore derivante dalla fiamma che quello presente all’interno del fumo prodotto dalla combustione, pertanto possono raggiungere velocemente temperature anche molto elevate (superiori anche a 300°).

Infine la presenza di un camino bifacciale tra due o più ambienti domestici contribuisce a creare una atmosfera al tempo stesso scenografica, intima e familiare, in quanto il doppio vetro consente di guardare la fiamma da più angolazioni della casa.